Guerra fra Abbanoa e la Chiesa sarda che minaccia tassa sull’acqua santa

Chiesa Sarda

La Chiesa sarda contro Abbanoa: Voi ci fate pagare cauzioni anticipate e bollette insolute, noi tassiamo l’acqua santa.

E’ guerra fra Abbanoa e la Chiesa sarda, che già si era ribellata alla pretesa dell’ente di gestione di riscuotere i depositi cauzionali delle parrocchie, anche quelle più povere, ed ora si vede minacciata di ingiunzioni per oltre 70 mila euro su bollette insolute dei parroci.

Il vescovo di Tempio Ampurias, mons. Sebastiano Sanguinetti, supportato dalla Conferenza episcopale di cui è segretario, ha comunicato che a partire dalle prime celebrazioni della Quaresima verrà istituita nelle chiese sarde una tassa sull’acqua santa.

“Metteremo degli erogatori a gettone nelle acquasantiere – scrive il vescovo in una nota – e stabiliremo delle tariffe per i rituali che prevedono benedizioni con acqua santa”. Si parla di tariffe piuttosto alte, che vanno da 50 cent. a fiotto per le acquasantiere, a 120 euro + IVA per il gavettone battesimale.

Ancora più alta la tariffa per le inaugurazioni di locali, di automobili, ecc., dove verrà fatta pagare cara la trasferta del sacerdote.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...