Il Nuraghe dalle pietre blu: per la Barracciu testimonianza della colonizzazione dei Puffi.

nuraghe puffiNon ha dubbi la sottosegretaria del MIBAC, Francesca Barracciu sulla recente scoperta di un nuraghe dalle pietre blu.  (leggi la notizia) “Esperti del Ministero – ha detto la sottosegretaria- hanno portato numerose prove sulla colonizzazione e la presenza in Sardegna, in tempi preistorici, del piccolo popolo dei Puffi”.

Lo stesso disegnatore francese che “inventò” i piccoli personaggi blu, Peyo, avrebbe tratto ispirazione da un antico dipinto rupestre custodito in una domus de janas raffigurante un gruppo di nani blu.

“Impossibile non notare che i Puffi indossano una berritta sarda” ha affermato la Barracciu, che secondo alcune indiscrezioni starebbe facendo preparare una nuova bandiera sarda con i quattro Puffi.

La notizia del ritrovamento della Casa dei Puffi nel nuraghe di Jenna e Corte è stata fatale al noto cantante e autore Maurizio Arcieri, scomparso oggi, che nel 1969 ebbe una storia d’amore segreta con l’ultimo esemplare di puffo sardo, una femmina a cui dedicò la nota canzone “L’amore è blu” (VIDEO).

tweet checca

Seguici su FACEBOOK e su TWITTER

Annunci

2 pensieri su “Il Nuraghe dalle pietre blu: per la Barracciu testimonianza della colonizzazione dei Puffi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...