Cristian Cocco scopre che tra divertire e far ridere c’è differenza e si suicida.

COCCOTENORENIS-BALLANTINI-Morandi-372x221È suicidio quello avvenuto ieri sera ad Oristano. La vittima è Cristian Cocco, l’inviato sardo della nota trasmissione Striscia la Notizia, che si è tolto la vita impiccandosi con la cintura dei pantaloni. A dare la notizia è stato il Maresciallo Serpis in borghese assieme al medico legale che dopo i rilievi ha appurato che è stata la cintura dei pantaloni, che l’uomo si sarebbe stretto al collo, a soffocarlo fino alla morte.

A confermare l’ipotesi del suicidio è una lettera trovata vicino al cadavere dove vengono spiegate le ragioni che hanno portato l’uomo a togliersi la vita. Il manoscritto e ora al vaglio degli inquirenti e non può essere pubblicato. 

Tutto ebbe inizio nel 1999 quando dopo essersi classificato terzo nella trasmissione La sai l’ultima? Cocco venne arruolato da Antonio Ricci come inviato per la Sardegna nella trasmissione Striscia la Notizia. Il primo servizio che gli venne affidato riguardava le barriere architettoniche ad Oristano e lui propose di abbattere la vecchia cinta muraria della città perché la riteneva una barriera architettonica, attirandosi una marea di insulti. Anche il sindaco di allora lo tacciò per ignorante. A consolarlo fu una scritta apparsa su un muro della città: “Cristian fai ridere!”

Sembra strano ma fu proprio quella scritta che diede coraggio al giovane Cocco che si convinse ad intraprendere una carriera come comico.

Solo oggi, all’età di 44 anni di cui 15 passati come inviato di Striscia scopre per puro caso, grazie ad una tesi di laura del nipote, che tra divertire e far ridere c’è grande differenza. Cocco ha finalmente capito che in tutti questi anni non ha divertito ma ha fatto ridere, ridicolizzando non solo se stesso ma tutti i Sardi. Perlomeno così si è capito dalla lettera che finiva con la parola “ayò”.  L’uomo da quel momento era entrato in uno stato depressivo che lo ha portato a togliersi la vita.

Ricordiamo il giovane artista con alcuni spezzoni di suo spettacolo che ci aiutano a capire meglio l’accaduto: CLICCA QUI

Seguici su FACEBOOK e su TWITTER

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...