Olbia: Sequestrato carico di tastiere bomba destinate ai rivoluzionari di Facebook

10371366_1608969189337337_4050126016290344938_nQuesta volta nel mirino delle forze dell’ordine è finito un carico di armi insolite. La guardia di finanza ha sequestrato questa mattina un carico di “tastiere bomba” nascoste in un intercapedine ricavata in un furgone che ufficialmente trasportava materiale edile, proveniente da Marsiglia. L’autotrasportatore è un aderente all’organizzazione FLRF (Fronte Liberazione  Rivoluzionari Facebook) che pare volesse costituire un braccio armato finalizzato a debellare i cosiddetti Rivoluzionari di Facebook ovvero persone disadattate, che dalle loro camerette spesso mentre la mammina gli prepara il The con i biscottini, si impegnano ad insultare, delegittimare e diffamare chi nella vita reale compie azioni reali.

Il FLRF contattava online le vittime, alle quali venivano proposte delle tastiere wireless innovative che essendo a forma di bomba a mano facevano sentire più minacciose le persone che le utilizzavano. I nerd non sapevano che in realtà si trattava di un sofisticato marchingegno esplosivo che faceva saltare in aria la mano come veniva pigiato il tasto “Enter”.

E’ la vendetta delle persone reali contro coloro che utilizzano facebook come campo di battaglia per la loro pseudo rivoluzione. “Ci siamo rotti i coglioni – ha dichiarato l’autotrasportatore al momento dell’arresto – di questi figli di papà che pensano che il mondo sia Facebook e si permettono il lusso di offendere chiunque senza nessun rispetto. Io mi alzo ogni mattina alle 6 e vado a lavorare. Io ho sono un sessantottino e le mie lotte le ho sempre fatte in prima persona prendendomi diverse denunce. Questi merdosi non hanno rispetto di nessuno e son talmente tonti che sono loro stessi ad acquistare il mezzo che li distruggerà. Noi dobbiamo sono anticipare la spesa.”

Il primo a cadere nella trappola pare sia stato un bibliotecario sardo che lavora a Trento e che essendo tutto il giorno davanti ad un monitor si occupava di fare la morale a chiunque gli capitasse sotto tiro sui social. Gli argomenti nella quale si destreggiava meglio erano storia, politica e lingua sarda. E’ stato contattato da un fake (dietro il quale si celava un membro del FLRF) che gli ha proposto l’acquisto della tastiera bomba. Il bibliotecario credulone si è fidato e ha acquistato il marchingegno. Subito dopo l’acquisto ha pensato di testarlo andando ad insultare il premio nobel per la pace. Il post iniziava così “da piccolo avevi picchiato tuo fratello, dovresti vergognarti…”  ma come ha schiacciato il tasto invio la tastiera è esplosa lacerandogli la mano destra. Ora il nerd si trova ricoverato all’ospedale San Camillo di Trento nel reparto di chirurgia d’urgenza. Dopo l’operazione dovrà seguire un percorso di riabilitazione mentale per riuscire ad accettare il fatto di non avere più la mano e quindi di non poter più scrivere.

L’Organizzazione, nonostante operi in maniera illegale, ha un enorme consenso da parte dell’opinione pubblica. Numerosi politici, intellettuali ma anche i frikkettoni sostengono sottotraccia gli aderenti al FLRF.

Le evoluzioni della vicenda verranno comunicate nelle prossime ore.

Seguici su FACEBOOK e su TWITTER

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...